Saranno in cinquanta, tra studenti e docenti, i protagonisti dei “Talent Days 2023” dal 4 al 7 dicembre presso la sede ST di Catania: quattro studenti per ciascuno di 10 istituti tecnici, selezionati tra gli indirizzi di studio di elettronica, elettrotecnica ed elettronica, meccatronica, meccatronica-robotica, informatica, informatica e telecomunicazioni.

Hanno accettato l’invito lEnrico Fermi-Renato Guttuso di Giarre (CT); il Verona-Trento di Messina; il Citelli di Regalbuto (EN); il Ruiz di Augusta (SR); il Galileo Ferraris di San Giovanni La Punta (CT), il Rapisardi Da Vinci e il Sebastiano Mottura di Caltanissetta; il Marconi-Mangano, l’Archimede e il Cannizzaro di Catania. L’iniziativa annuale promossa anche quest’anno da ST mira a far conoscere a giovani studenti il mondo dell’elettronica e ad aiutarli a partecipare alla nuova edizione del concorso nazionale promosso da ST per le scuole “Costruiamo il futuro con STM32”.

«Dal punto di vista tecnico – spiega Adriano Basile, technical marketing manager di ST – saranno quattro giornate intense. Tutti avranno la possibilità di toccare con mano la nostra elettronica. Metteremo a disposizione board di sviluppo che poi resteranno ai ragazzi e al docente che li accompagna. I partecipanti potranno vedere come si realizza un modello di reti neurali e come può essere implementato su un microcontrollore STM32, il nostro microcontrollore di punta». Tra lezioni frontali e sessioni pratiche, si comincia lunedì 4 dicembre, alle 9 del mattino. Gli argomenti sono quelli di maggior richiamo del settore: i microcontrollori, la robotica e sensoristica e le loro applicazioni in ST, l’ambiente di sviluppo STM32Duino, l’Intelligenza Artificiale. «Sono quattro giornate impegnative per loro e molto importanti per noi. Puntiamo tanto su questa e su altre iniziative volte a offrire ai giovani l’opportunità di conoscere il mondo dell’elettronica, ma soprattutto di conoscere se stessi e scoprire interessi e passioni. Potrebbe essere un’occasione importante di crescita per il territorio, non solo per i ragazzi stessi.» aggiunge Basile. «Ci sono molti stereotipi nei confronti della tecnologia e in generale delle discipline STEM. Quando poi si entra in contatto molti muri cadono. Non cerchiamo talenti speciali, ma curiosità, voglia di vedere da vicino e sperimentare. Vorremmo dare a tutte le ragazze e a tutti i ragazzi una possibilità di confronto, indipendentemente dal percorso di studi e dall’età.» conclude Emanuela Alì, STEM your way coordinator dei Site di Catania e Palermo.   L’iniziativa rientra sotto l’egida di STEM your way, il programma di STMicroelectronics volto alla diffusione delle discipline STEM per ragazzi delle scuole di ogni ordine e grado.

Sfoglia la Gallery dell’edizione 2022: